Extra News Ospitalità

Aprire una nuova struttura extralberghiera in tempo di covid: l’esperienza di B&B Funtanin

Doveva aprire ad aprile 2020 dopo 3 anni di restauro di un antico casale, ma la pandemia ha rimandato l’esordio ufficiale a settembre. Abbiamo intervistato Nayla Carvalho, neo titolare del B&B Funtanin di Castelletto di Cuggiono, in provincia di Milano, per farci raccontare la scelta coraggiosa di iniziare un’attività di ospitalità nel bel mezzo della più grave crisi mondiale che il turismo ha mai conosciuto.

“Il progetto iniziale era quello di un’azienda agricola – ci spiega Nayla – ma abbiamo avuto l’opportunità di comprare una porzione di casale che sorgeva in una posizione che abbiamo considerato strategica, a 20 minuti da Malpensa. Per questo abbiamo iniziato a lavorare al suo restauro cercando di preservare il suo aspetto vintage, ma offrendo i comfort dell’ospitalità moderna: wifi, tv, aria condizionata, mini frigo. Ci abbiamo lavorato a lungo, anche perché sorge in una zona che è soggetta ai vincoli ambientali del Parco del Ticino, e arrivati al 2020 non potevamo più aspettare per l’apertura”.

Nayla Carvalho in sala colazioni – Foto: Loreno Molaschi

Inizia così l’avventura di questa nuova struttura con giardino di 300 metri quadri, nel verde del Parco del Ticino. Il 14 settembre 2020 è il primo giorno di apertura, ma non viene fatta una vera e propria inaugurazione. Già da tempo però è attiva la presenza sui social su Facebook e Insagram che ha raccontato i lavori in corso d’opera, il sito web per raccogliere interesse diretto e la classica presenza su Booking per farsi conoscere.

“Per aumentare la nostra notorietà cerchiamo di creare più contenuti possibili – prosegue Nayla – per far capire ai potenziali clienti quali servizi offriamo. Ci rivolgiamo a persone che vogliono staccarsi dal caos cittadino, inclusi i viaggiatori business, ma con la possibilità di raggiungere velocemente i punti di interesse in auto o in transfer privato. Siamo in una zona che offre la possibilità di passeggiare nella natura, di fare attività sportive quali kayak, tiro con l’arco, pesca sportiva e cicloturismo. Le nostre prime ospiti ad esempio erano impegnate nel cammino della via Francisca che va da Pavia al Lago di Costanza. Il Ticino invece offre diverse opportunità per la sua navigabilità. Vogliamo diventare un punto di riferimento per chi vuole fare queste attività e anche per il territorio, ad esempio offrendo il servizio di noleggio bici, con la prospettiva di diventare anche una location per eventi quando si potrà ricominciare a farli”.

Il Bed & Breakfast intanto già si distingue per la cura dei particolari: 3 camere doppie, arredati in stili differenti per diverse tipologie di ospiti, check in possibile anche in modalità self e colazione organizzata già in modalità covid-safe. Una chicca è il servizio di personal chef on demand: è possibile selezionare tra una lista di chef della zona disponibili quello che verrà a preparare una gustosa cena romantica su misura.

Condividi?

About the author

Redazione Extralberghiero.it

Leave a Comment