Affitti Brevi In primo piano

Affitti brevi, AIGAB: Pasqua 2022 la migliore di sempre

Written by Domenico Palladino

Il trend del mercato italiano del turismo professionale in appartamento, nonostante lo scenario internazionale, la pandemia ed il caro energia con ricadute soprattutto sul budget spesa dei viaggiatori destinato ai trasporti, è più che incoraggiante. E dopo un primo trimestre all’insegna di numeri eccellenti, gli affitti brevi gestiti in maniera professionale si confermano i protagonisti del settore turismo-hospitality anche in vista dell’estate 2022.

È quanto si evince dall’analisi del Centro Studi dell’Associazione Italiana Gestori Affitti Brevi che, numeri alla mano, fotografa uno scenario positivo per gli operatori del turismo professionale in appartamento: se nel 2020, primo anno di pandemia, si era registrato un crollo del 96% delle prenotazioni rispetto al 2019 e nel 2021 soltanto una crescita appena abbozzata del valore di una volta e mezzo rispetto ai volumi del 2020, i volumi delle prenotazioni relativi a Pasqua 2022 sono ben 17 volte superiori a quella del 2021 ed il doppio del 2019.

“Nonostante la guerra, la pandemia ed il caro-energia e forse proprio in reazione a questi elementi che hanno costituito senz’altro uno shock per il mercato e per la comunità in generale – fa sapere il presidente di AIGAB Marco Celani – i proprietari degli immobili che gestiamo credono sempre di più nella gestione professionale delle case vacanza e, sul fronte di chi viaggia, registriamo che le persone hanno il desiderio di muoversi e passare le prossime feste in luoghi diversi dalle residenze abituali. In particolare colpisce l’incremento del ticket medio di spesa, aumentato di 2,6 volte rispetto al 2019, segno che chi prenota opta per un soggiorno più lungo ed è disposto a spendere per case più belle e confortevoli”.

“Ci aspettiamo un ulteriore aumento del volume delle prenotazioni da qui a Pasqua e siamo pronti a gestire come sempre anche arrivi sotto data” aggiunge Michele Ridolfo, vicepresidente AIGAB, per il quale “l’effetto del cosiddetto caro-energia sta avendo al momento riflessi marginali sulle prenotazioni e sulle tariffe, dato condiviso anche con i proprietari delle case che gestiamo”.

LA NAZIONALITÀ DI CHI VIAGGIA

Ma come è variata la nazionalità dei turisti che scelgono case italiane per la prossima Pasqua e si orientano soprattutto verso città d’arte (Roma in testa) e mete di mare grazie alle aperture della stagione in Puglia, Sicilia e Sardegna?
I dati del Centro Studi AIGAB raccontano che se nel 2019 circa la metà dei viaggiatori erano italiani, si sale al 60% nel 2022, mentre si assottiglia la percentuale dei turisti extra-europei (con l’eccezione degli americani, in leggera flessione dal 2% all’1,8%). Aumenta poi la penetrazione dei turisti di prossimità come tedeschi, svizzeri e francesi, tutti tradizionalmente intorno al 5%: i tedeschi salgono all’11%, i francesi all’8% e gli svizzeri al 6%.

IL DETTAGLIO DELLE DESTINAZIONI BEST PERFORMER NEI DATI DI PRICELABS PER AIGAB

Che la tendenza del mercato nel primo trimestre dell’anno sia nettamente in crescita rispetto allo stesso periodo del 2021 e che il 2022 si prepara a mantenere le attese lo confermano anche le rilevazioni di Pricelabs per AIGAB ed in particolare performance di città d’arte come Roma, Firenze o Venezia.

A Roma, secondo Pricelabs che supporta gli operatori degli affitti brevi nella gestione dei prezzi dinamica proprio come avviene per hotel o compagnie aeree, le entrate medie per appartamento sono state di 2143€/mese per il primo trimestre del 2022 contro i 697€/mese del primo trimestre 2021; lo stesso a Firenze (1100€/mese per il primo trimestre del 2022 contro 311€/mese per lo stesso periodo del 2021) e Venezia, dove lo stacco è ancora maggiore: 1961€/mese per il primo trimestre 2022 contro 358€ del primo trimestre 2021.

Incoraggiante anche la booking window come indicatore di ritrovata fiducia nel poter programmare i soggiorni non più necessariamente con modalità last second: a Venezia, per esempio, nel primo trimestre 2021 gli ospiti hanno prenotato con un anticipo di circa 5 giorni in media mentre nel primo trimestre di quest’anno di 24 giorni.

Stesso discorso per Pasqua: a Roma l’occupazione media nel periodo di Pasqua nel 2021 era del 18% mentre nel 2022 è sopra al 73%; Venezia fa registrare un incremento del 438%, Firenze del 245% e Napoli del 264%.

Prenotazioni più che raddoppiate rispetto al 2021 anche secondo Fabrizio Begossi, CEO Casevacanza.it che supporta AIGAB: “Una dimostrazione della grande voglia di viaggiare da parte di italiani e soprattutto stranieri che aumentano del 50% rispetto allo scorso anno e del consolidarsi della loro preferenza per gli alloggi alternativi, specialmente in destinazioni non urbane, rispetto ad altre forme di ricettività”.

Condividi?

About the author

Domenico Palladino

Domenico Palladino è giornalista economico specializzato nel turismo e consulente di digital marketing. Ha scritto per Hoepli "Digital Marketing Extra Alberghiero" e ha curato "Extra Book - la guida decisiva per emergere nell'extralberghiero"

Leave a Comment